search instagram arrow-down
Giuseppe Landolfi Petrone

Archivio

Il sito è dedicato a esplorare la diffusione degli scritti di Kant in Italia nell'Ottocento, con particolare riferimento alle traduzioni.

Tag

Alfonso Testa Antonio Poloni Antonio Rosmini antropologia appunti di lavoro Augusto Eckerlin Benedetto Croce Bertrando Spaventa commentari Critica del giudizio Critica della ragione pura criticismo Diritto Eclettismo Estetica Francesco Trinchera Geografia Geografia fisica Giovanni Gentile Giovanni Silvestri Giuseppe Lombardo-Radice Hufeland Il volto dell'idolo Istituto Italiano per gli Studi Filosofici Kant Kant in Italia lessico kantiano letture Letture Logica Manuale di geografia fisica materiali Mellin Milano morale Napoli Nuova Enciclopedia Popolare Ottavio Colecchi Pasquale Galluppi pedagogia personaggi Poligrafo politica Positivismo temi testi traduzioni Victor Cousin Vincenzo Mantovani

tra indice e prospetto

kritik der reinen Vernunft

Kritik der reinen Vernunft

Forse non tutti sanno che la seconda edizione della Kritik der reinen Vernunft è sfornita di indice. La cosa è singolare se si tiene conto della complessa articolazione dell’opera in generale e del fatto che nella prima edizione invece un Inhalt è presente.

prospetto critica della ragione pura

prospetto della critica della ragione pura

La versione italiana di Vincenzo Mantovani, che si basa sul testo della seconda edizione nella ristampa non autorizzata apparsa a Francoforte e Lipsia nel 1794, contiene un Prospetto che il traduttore dice (cfr. tomo I, p. 14) di aver realizzato da sé per sopperire alla sua mancanza nell’edizione di riferimento e alla insufficienza dell’indice che figura nella versione latina di Friedrich Gottlob Born nel 1796 (nel primo volume degli Opera ad philosophiam criticam).

 

Kantii opera ad philosophiam criticam

opera ad philosophiam criticam

Il prospetto di Mantovani è molto analitico (14 pagine: cfr. tomo I, pp. 187-200) e va ben al di là delle due paginette allestite da Kant stesso e poste dopo la Vorrede nella prima edizione del 1781. Anche il Conspectus di Born, pur fornendo a Mantovani lo spunto, non è altrettanto dettagliato (si tratta di 6 pagine; cfr. Immanuelis Kantii Opera ad philosophiam criticam, I, Lipsiae, Schwickert, 1796, pp. XXXIX-XLIV).

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: